Lavoratrivi gestanti, puerpere e in allattamento

Grazie ad un emendamento alla Legge di Bilancio, le donne potranno continuare a lavorare anche fino al nono mese di gravidanza, se il medico non lo sconsiglia. È stato inoltre modificato il congedo di maternità obbligatorio, inserendo la possibilità per le future mamme di iniziare i cinque mesi di congedo dopo il parto, se lo vogliono.
Questo potrà essere effettuato solo per le mansioni per cui non è previsto un divieto rilevato dall’analisi dei rischi.
Si segnala che è opportuno dare evidenza della specifica formazione sulle restrizioni previste per le lavoratrici madri con adeguato verbale.

Gli organi di controllo verificano tale coinvolgimento e diffusione delle restrizioni.

Leave a reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi